Alpocat: finalmente è finito il silenzio sulle Foibe

Il prossimo progetto strettamente legato alle Foibe è di programmare degli incontri nelle scuole tramite il gruppo studentesco Fronte della Gioventù

"Sulle Foibe un vergognoso silenzio è calato per tanti e troppi anni e ora, finalmente, se ne parla con occhio obiettivo e privo di ogni inquinamento politico. La settimana passata il movimento Al.Po.Cat.- si legge in un comunicato - con il patrocinio gratuito da parte dell'amministrazione comunale, è stato promotore di una serie di eventi legati alla terribile pagina di storia che ha coinvolto l’Italia sul finire della seconda guerra mondiale. Il tutto si è concluso lunedì 15. La settimana dedicata ai martiri delle Foibe è iniziata con una mostra fotografica presso la sala consiliare di palazzo De Nobili, 10 pannelli illustrativi e didascalici, si è poi proseguito con l’inaugurazione di una Piazza a loro dedicata chiudendo con una conferenza dal titolo "Italiano volle restare", dove si è avuto modo di ascoltare l'intervento testimonianza di un esule istriana. È un grande orgoglio, per il movimento Al.Po.Cat., essere riuscito finalmente a far dedicare una piazza nel quartiere marinaro della città capoluogo di Regione ai martiri del terribile eccidio; la piazza, a detta delle esuli istriane presenti alla cerimonia, più grande della Calabria. In merito - scrive Alpocati - ringraziamo i Consiglieri comunali Riccio e Tallini che hanno dato voce, all'interno dell'amministrazione comunale, alla richiesta della comunità militante di dedicare una piazza a tutti quei connazionali uccisi dalle truppe slave, la cui unica colpa fu di non aver mai rinnegato la loro nazionalità. Un ringraziamento anche al sindaco Abramo per la sensibilità avuta in merito. Sarebbe un errore però limitarsi a parlare di questo delicato argomento solo nelle giornate vicine al 10 Febbraio (Giorno del ricordo instituito dallo stato Italiano). Il prossimo progetto strettamente legato alle Foibe è di programmare degli incontri nelle scuole tramite il gruppo studentesco Fronte della Gioventù, per dare appunto un seguito e continuità a un percorso di informazione e approfondimento legato a questa parte di storia del nostro popolo. Il perché nelle scuole è facilmente intuibile vedendo le poche e aride pagine dei testi scolastici dedicati a tale argomento".

Scrivi commento

Commenti: 0
 Via Lungomare  88100 Catanzaro
Via Lungomare 88100 Catanzaro