Cardiochirurgia, Alpocat: ulteriore sopruso per Catanzaro

Scopelliti sta cercando di portare nella provincia reggina quanti più vantaggi possibili lasciando a Catanzaro il solo nome di capoluogo.

CatanzaroInforma.it: Cardiochirurgia, Alpocat: ulteriore sopruso per Catanzaro

 “Come un copione scritto e riscritto, ancora un volta il Presidente Scopelliti attinge al “magro” ventre della città di Catanzaro per i propri interessi personali e per quelli della sua città”. Lo si legge in una nota di Alpocat che “si accoda al coro di indignazione legato al possibile e imminente trasferimento della Cardiochirurgia da Catanzaro a Reggio Calabria. Il Presidente della Regione Calabria (o meglio … presidente di una parte di essa)- scrive Alpocat - sta per portare a termine l’ulteriore sopruso ai danni della cittadinanza Catanzarese, a completamento dell’astuta macchinazione manca solo la firma del Rettore dell’ateneo Aldo Quattrone, il quale si spera non firmi. Con l’accordo di entrambi, il vergognoso gioco dal sapore vagamente pre-elettorale porterebbe al sicuro ridimensionamento della facoltà di Medicina di Catanzaro, uno dei pochi fiori all’occhiello della nostra città. Relegati al ruolo di solite comparse inermi e silenziose, gli esponenti della politica locale, che nulla eccepiscono e che non sembrano essere coinvolti in questa vicenda, forse perché i loro interessi e i relativi profitti risultano di gran lunga più importanti rispetto a una città che viene lentamente smantellata nelle sue strutture e nel suo orgoglio. Inutile continuare a spiegare quanto può essere importante avere un reparto di cardiochirurgia nel capoluogo di regione, non soltanto per gli introiti che una struttura del genere porta con sé, ma soprattutto per l’utilità stessa di tale servizio all’utenza calabrese e a quella delle regioni vicine. Ci si riferisce naturalmente alla favorevole posizione geografica della città, del vicino aeroporto e del complesso di ultima generazione che si erge nel quartiere di Germaneto, a pochi chilometri dalla Statale 280 che da Catanzaro in pochi minuti porta all’arteria autostradale, fattori, questi, che garantiscono un più agevole accesso alla struttura. Sergio Abramo – incalza Alpocat - ora ha conquistato definitivamente il titolo di sindaco e finalmente i battibecchi mediatici tra opposte fazione sono conclusi: è ora di iniziare a lottare per il bene della nostra città e si cominci già da subito. Ciò che sta succedendo è evidente: al contrario di quanto fatto in passato dai nostri concittadini quando erano a capo della regione Calabria, Scopelliti sta cercando di portare nella provincia reggina quanti più vantaggi possibili lasciando a Catanzaro il solo nome di capoluogo. Il sindaco Sergio Abramo ha l’obbligo di opporsi e di farsi sentire, di dimostrare il suo attaccamento alla città e non far ricredere chi lo ha votato … per ben due volte consecutive.

Scrivi commento

Commenti: 0
 Via Lungomare  88100 Catanzaro
Via Lungomare 88100 Catanzaro